Cassetta dei consigli

Ruolimpionici e master avanti tutta: questo è il vostro forum!

Moderatori: Agente D, Agente D^2, Agente V, Minokin

Avatar utente
Coleman
Messaggi: 158
Iscritto il: mer ott 12, 2005 19:57

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da Coleman » ven nov 16, 2012 14:40

Domanda diretta... come inquadri il Barone di Monchausen? (se lo conosci?) GDR o no? Adatto o no? Lì basta inventare una storia, ognuno la sua, su delle basi prestabilite... non serve master, non c'è quasi nessuna interazione tra giocatori, è interattiva ma a pelo, cos'è? Vale? Per me, per quanto divertentissimo e rispetti i criteri da te detto non è un vero GDR adatto a Lucca, ma forse è solo la mia idea.

(per chi non lo sa il barone funziona così, a turno viene chiesto ai giocatori cose del tipo "Ci narri, esimio, di come quella volta con solo una corda e tre spille riuscì a raggiungere la luna..." oppure "Ci racconti, caro barone, di quella volta che combatté a duello contro se stesso e si uccise, eppur è ancora tra noi..." e l'altro deve inventarsi la storia parlando forbito... terminata la storia passa la palla a un altro che deve raccontare, se non la racconta "perde"/paga da bere).

Avatar utente
l_eterno
Messaggi: 154
Iscritto il: gio nov 03, 2005 19:01

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da l_eterno » ven nov 16, 2012 15:04

Non conosco questo gioco, ma da come lo presenti viene meno uno dei requisiti fondamentali: l'interazione fra i personaggi. Da questo punto di vista è simile a "Un penny per i miei pensieri" (che alle ruolimpiadi non potrebbe gareggiare semplicemente perché per arrivare in fondo ci vuole circa un'ora per giocatore/personaggio). Mi sembra più un gioco di società/da tavolo che non un gioco di ruolo.
Luigi dei Gattini di Randolph Carter (ex Immondi di B&B)

Inchinatevi alla potenza dei Clanrat!

Immagine

Immondo per passione, dal 1903

Avatar utente
Coleman
Messaggi: 158
Iscritto il: mer ott 12, 2005 19:57

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da Coleman » ven nov 16, 2012 15:38

Appunto, le linee di demarcazione sono labili e fumose... basta mettersi daccordo per dei "limiti" o delle caratteristiche minime, ma ovviamente "tutto non ci sta" perché non tutto è adatto/gdr.

Avatar utente
l_eterno
Messaggi: 154
Iscritto il: gio nov 03, 2005 19:01

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da l_eterno » ven nov 16, 2012 17:18

Non puoi basarti su un singolo caso specifico per stabilire che "le linee di demarcazione sono labili e fumose". Ti ho postato una definizione di gioco di ruolo con dei criteri che servono a identificare un gioco di ruolo e quello che hai portato come esempio (come del resto il mio di "Penny") non ne rispetta uno su tre (interazione fra i personaggi), quindi quello NON È un gioco di ruolo. Non si può generalizzare. Se si accetta questa definizione (che per altro non do io, ma uno che evidentemente ha studiato il fenomeno) allora si mette nel regolamento che sono ammessi tutti e soli quei giochi che rispettano i tre criteri della definizione (quantificazione, interazione e narrazione). Dopo di che si stilano schede di valutazione che tengano di conto se il gioco è masterless oppure no e via discorrendo (quella che ha proposto Marco nell'altro thread continua a trovarmi più che d'accordo).
Specificazione:
- Quantificazione: le abilità e le azioni dei personaggi devono essere definite in termini di numeri o quantità che possano essere manipolate dalle regole. Il che vuol dire che: 1) c'è un regolamento che stabilisce delle meccaniche di risoluzione dei conflitti o delle situazioni critiche; 2) abilità e azioni non devono necessariamente essere regolate da numeri compresi tra -∞ e +∞, ma si può trattare (per esempio) anche di un lancio di dadi i cui possibili risultati sono "si" o "no"; utilizzare le regole del poker; la morra cinese; quello che ti pare, insomma, e che risponda alla definizione di "meccanica di gioco".
- Interazione: la storia progredisce se i personaggi sono collegati gli uni agli altri e la loro interazione (o non interazione) produce degli effetti e delle modifiche al mondo in cui agiscono (ad esempio: Trollbabe non potrebbe essere un gioco da ruolimpiadi, visto che i personaggi portano avanti ciascuno la sua storia e ciò che succede a uno non influenza la storia dell'altro).
- Narrazione: con la loro interazione tutti i giocatori (e il master se previsto) concorrono a raccontare la storia. Il che non significa che se è presente un master il giocatore può dire "apro un cassetto e dentro ci trovo". 1) se le meccaniche non lo consentono, nel cassetto ci sarà quel che dice il master; 2) bisogna rispettare il contratto sociale ("Tutte le interazioni e relazioni presenti nel gruppo di gioco di ruolo, incluse connessioni emotive, disposizioni logistiche ed aspettative" Ron Edwards): nel caso di gruppi di gente che si conosce è facile, perché ciascuno sa più o meno cosa ricerca l'altro; nel caso di un evento pre-generato, immagino che la discriminante siano il buonsenso e la matrice culturale che in un contesto come le ruolimpiadi si suppone sia comune per tutti.
Luigi dei Gattini di Randolph Carter (ex Immondi di B&B)

Inchinatevi alla potenza dei Clanrat!

Immagine

Immondo per passione, dal 1903

Avatar utente
DaniloSesti
Messaggi: 141
Iscritto il: lun nov 01, 2010 18:33
Località: Uzzano (PT)

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da DaniloSesti » ven nov 16, 2012 19:57

l_eterno ha scritto:Non conosco questo gioco, ma da come lo presenti viene meno uno dei requisiti fondamentali: l'interazione fra i personaggi. Da questo punto di vista è simile a "Un penny per i miei pensieri" (che alle ruolimpiadi non potrebbe gareggiare semplicemente perché per arrivare in fondo ci vuole circa un'ora per giocatore/personaggio). Mi sembra più un gioco di società/da tavolo che non un gioco di ruolo.
Come non lo conosci....ma se ci abbiamo pure giocato,ce l'ha Alex non ti ricordi??? :D
Appunto, le linee di demarcazione sono labili e fumose... basta mettersi daccordo per dei "limiti" o delle caratteristiche minime, ma ovviamente "tutto non ci sta" perché non tutto è adatto/gdr.
direi che non tutto è Adatto.Per me il Barone di Munchausen può essere un gdr....ogni giocatore INTERPRETA un personaggio e ci sono delle regole per far girare il gioco.Solo è un gdr NON adatto alle ruolimpiadi :D Come,purtroppo non lo è Trollbabe visto che i personaggi non si incontrano mai =(
Marask degli Immondi di B&B (ho smarrito la password e ho preferito rifare un nuovo account)

Avatar utente
Coleman
Messaggi: 158
Iscritto il: mer ott 12, 2005 19:57

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da Coleman » sab nov 17, 2012 17:13

Esatto, per me è giusto portare tutto quello che è "adatto", per definire cosa lo è e cosa non lo è (non sono certo io a farlo) dovremo studiarci un po', credo e fare le schede per il giudizio degli eventi di conseguenza.

Avatar utente
l_eterno
Messaggi: 154
Iscritto il: gio nov 03, 2005 19:01

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da l_eterno » sab nov 17, 2012 19:04

Una volta che hai stabilito cos'è gioco di ruolo, il resto viene di conseguenza, quindi cosa è adatto e cosa no, lo valuti a seconda della definizione che dai di gioco di ruolo.
E io ne ho data una.
Luigi dei Gattini di Randolph Carter (ex Immondi di B&B)

Inchinatevi alla potenza dei Clanrat!

Immagine

Immondo per passione, dal 1903

Avatar utente
Coleman
Messaggi: 158
Iscritto il: mer ott 12, 2005 19:57

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da Coleman » mar nov 20, 2012 14:55

No, assolutamente! Come ho fatto l'esempio e come conferma Danilo il Barone di Monchausen E' un gioco di ruolo ma NON E' adatto!
Ci possono essere dei GDR che non sono adatti ad essere portati e che andrebbero evitati.

Avatar utente
dottwatson
Messaggi: 106
Iscritto il: lun nov 03, 2008 10:12
Località: Fossano

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da dottwatson » mar nov 20, 2012 17:34

Io la penso come Coleman, per quello che conta, anche se trovo interessantissimo il discorso che Danilo e l_eterno stanno facendo e più che rispettabile la loro opinione. Alla fine, stringendo, per noi (anziani, ancorati ad un trono di spine, immobili nel nostro pensiero :P ) ci vuole un master, per voi non è necessario dato che ci sono giochi che non lo prevedono. Sarebbe anche interessante capire quanti la pensano come voi, perché normalmente io ho sempre sentito gente che si lamentava per questo tipo di giochi.
Non ho partecipato volutamente alla discussione per un po', ma vedo che alla fine non si riesce a sfondare il muro, oltretutto avere dei Men in Black che aprono le discussioni (dal vivo o sul forum) e poi non vi partecipano dicendo le loro opinioni, non aiuta molto :) (non voletemene male, ma sarebbe molto interessante capire quali sono le vostre idee).
- Guardiano del Warp -

Avatar utente
DaniloSesti
Messaggi: 141
Iscritto il: lun nov 01, 2010 18:33
Località: Uzzano (PT)

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da DaniloSesti » mar nov 20, 2012 21:17

dottwatson ha scritto:Io la penso come Coleman, per quello che conta, anche se trovo interessantissimo il discorso che Danilo e l_eterno stanno facendo e più che rispettabile la loro opinione. Alla fine, stringendo, per noi (anziani, ancorati ad un trono di spine, immobili nel nostro pensiero :P ) ci vuole un master, per voi non è necessario dato che ci sono giochi che non lo prevedono. Sarebbe anche interessante capire quanti la pensano come voi, perché normalmente io ho sempre sentito gente che si lamentava per questo tipo di giochi.
Non ho partecipato volutamente alla discussione per un po', ma vedo che alla fine non si riesce a sfondare il muro, oltretutto avere dei Men in Black che aprono le discussioni (dal vivo o sul forum) e poi non vi partecipano dicendo le loro opinioni, non aiuta molto :) (non voletemene male, ma sarebbe molto interessante capire quali sono le vostre idee).
Alt...non è che per me non è necessario il master,ritengo sia necessario se il gioco lo prevede.Prendi Lo Spirito del Secolo,che m pare hai scritto che conosci,.Lo giochi in maniera molto classica,eppure la meccanica della Dichiarazione permette al giocatore di ribaltare le carte in tavola e di dare il suo contributo alla storia.Il processo narrativo diventa comune a tutti quelli seduti al tavolo e non dipendente da una sola persona.Alcuni di questi giochi sono portabilissimi alle ruolimpiadi(Lo Spirito è stato pure presentato come special event lo scorso anno),altri no.
Per come funziona ora la scheda di valutazione invece puoi portare qualunque cosa tanto poi i voti sono falsati :D :D :D :D
Marask degli Immondi di B&B (ho smarrito la password e ho preferito rifare un nuovo account)

Avatar utente
l_eterno
Messaggi: 154
Iscritto il: gio nov 03, 2005 19:01

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da l_eterno » mer nov 21, 2012 0:22

Per me facciamo a non capirci... ho detto che ciò che è adatto lo valuti in base alla definizione che dai di gioco di ruolo e Coleman dice "assolutamente no". Allora vorrei che spiegasse lui come si giudica cosa è adatto e cosa no...
Luigi dei Gattini di Randolph Carter (ex Immondi di B&B)

Inchinatevi alla potenza dei Clanrat!

Immagine

Immondo per passione, dal 1903

Avatar utente
Coleman
Messaggi: 158
Iscritto il: mer ott 12, 2005 19:57

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da Coleman » mer nov 21, 2012 10:05

L'ho scritto sopra...
Coleman ha scritto:Esatto, per me è giusto portare tutto quello che è "adatto", per definire cosa lo è e cosa non lo è (non sono certo io a farlo) dovremo studiarci un po', credo e fare le schede per il giudizio degli eventi di conseguenza.
Non ho presunzioni di definire le regole (non sono un cultore della materia, sono più un consumato appassionato) ma empiricamente vedo che alcuni giochi non sono adatti (o non piacciono o scombussolano le ruolimpiadi) per cui cercherei di limitarli.

In ogni caso vorrei sentire anche le opinioni degli altri, SPECIALMENTE DEI MIB, perché discutere in 3-4 alla fine serve a poco.

Avatar utente
DaniloSesti
Messaggi: 141
Iscritto il: lun nov 01, 2010 18:33
Località: Uzzano (PT)

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da DaniloSesti » mer nov 21, 2012 12:04

Coleman ha scritto:L'ho scritto sopra...
Coleman ha scritto:Esatto, per me è giusto portare tutto quello che è "adatto", per definire cosa lo è e cosa non lo è (non sono certo io a farlo) dovremo studiarci un po', credo e fare le schede per il giudizio degli eventi di conseguenza.
Non ho presunzioni di definire le regole (non sono un cultore della materia, sono più un consumato appassionato) ma empiricamente vedo che alcuni giochi non sono adatti (o non piacciono o scombussolano le ruolimpiadi) per cui cercherei di limitarli.

In ogni caso vorrei sentire anche le opinioni degli altri, SPECIALMENTE DEI MIB, perché discutere in 3-4 alla fine serve a poco.
Ma mi sa che ai MIB gli importa una sega :D
Marask degli Immondi di B&B (ho smarrito la password e ho preferito rifare un nuovo account)

Agente D^2
Messaggi: 167
Iscritto il: mar nov 06, 2012 20:43

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da Agente D^2 » mer nov 21, 2012 17:56

I giochi ammessi alla competizione sono di ruolo, di narrazione e similari.
L'Organizzazione si riserva di escludere i giochi che ritiene non sottostanti
a norme di liceità.
regolamento ruolimpico
Ogni squadra può portare qualsiasi tipo di gioco che desidera, ma deve tenere in considerazione che a un evento come le ruolimpiadi dove la maggior parte degli eventi hanno una elaborazione dietro piuttosto corposa(c'è stato un playtest,è stato pensato un filone attraverso il quale si condurra l'avventura ecc) eventi come archipelago,il barone di munchausen, o altri giochi dai giocatori ruolimpici/mib vengono considerati dei "cattivi eventi", perchè i giocatori che si trovano ad affrontare un evento di achipelago per esempio si trovano in difficolta a stilare una classifica(problema dovuto alle nostre schede di valutazione) in oltre valutano inadatto un evento simile perchè completamente autoprodotto nelle 3 ore della partita da loro stessi(è l'evento perfetto perchè stato deciso insieme e quindi calza perfettamente con i vari gusti dei giocatori) ma pur essendo un evento perfetto non lo reputano valido probabilmente per via del fatto che è stato generato completamente da loro(trama,ambientazione,ecc) quindi tutto il lavoro di "produzione" che richiede l'eveto ruolimpico è praticamente nullo in pratica è come si autogiocassero un loro evento e posso assicurare che la cosa è poco gradita.
Quindi in soldoni è lecito tutto basta che ricada nella categoria giochi di ruolo (i giocatori devono poter interagire fra di loro,ci deve essere un master ecc ecc) , se uno volesse portare un "gioco esotico" e lo ritenesse un gioco di ruolo ben venga ma saranno i giocatori che giocano l'evento/il mib che assistera all'evento ad avere l'ultima parola e dire si è un gioco di ruolo da ritenere valido in un contesto ruolimpico.
Le ruolimpiadi sono una competizione mirata a valutare l'evento nel suo complesso e in giochi come quelli discussi poco fa la parte di costruzione,sviluppo dell'idea viene svolta all'interno della gara(3 ore) questo implica che l'evento nasca in questo lasso di tempo e che venga penalizzato giustamente/meno perchè è arrivato alla gara senza una parte fondamentale di se.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ho seguito costantemente tutti gli sviluppi dei vari post e non sono intervenuto perchè quello a cui miro è far venire a galla tutte le critiche o cose che ritenete non buone dell'elevento ruolimpico e speravo che fra di voi ci si creassero delle discussioni tra sostenitori o meno di tali critiche.
Secondo me una cosa simile può essere costruttiva per noi mib che avremo il fardello di decidere i cambiamenti ma almeno avremo una idea generale di che strada percorrere per il bene delle ruolimpiadi e delle varie squadre che vi pertecipano,a breve faremo una cena per decidere dei primi cambiamenti più o meno importanti subito dopo ci metteremo a lavoro per creare una nuova scheda di valutazione.
Io intanto invito tutti a esprimere i loro pensieri e a creare varie discussioni su vari temi che ritenete "bollenti" per le ruolimpiadi :)

Avatar utente
l_eterno
Messaggi: 154
Iscritto il: gio nov 03, 2005 19:01

Re: Cassetta dei consigli

Messaggio da l_eterno » mer nov 21, 2012 18:54

Quindi in soldoni è lecito tutto basta che ricada nella categoria giochi di ruolo (i giocatori devono poter interagire fra di loro,ci deve essere un master ecc ecc) , se uno volesse portare un "gioco esotico" e lo ritenesse un gioco di ruolo ben venga ma saranno i giocatori che giocano l'evento/il mib che assistera all'evento ad avere l'ultima parola e dire si è un gioco di ruolo da ritenere valido in un contesto ruolimpico.
Le ruolimpiadi sono una competizione mirata a valutare l'evento nel suo complesso e in giochi come quelli discussi poco fa la parte di costruzione,sviluppo dell'idea viene svolta all'interno della gara(3 ore) questo implica che l'evento nasca in questo lasso di tempo e che venga penalizzato giustamente/meno perché è arrivato alla gara senza una parte fondamentale di se.
Quindi non accetterete di cambiare le schede di valutazione? Perché se il problema è che il gioco viene valutato male perché le schede di valutazione hanno determinati problemi, allora si fa presto: si cambiano il metodo di valutazione e i suoi criteri e risolto il problema. Ma non posso essere limitato nella mia creatività e nella mia voglia di portare un'esperienza nuova. Sinceramente tutta questa attaccatura alla vostra definizione di gioco di ruolo (che per me è superata se non addirittura errata e ho anche provato a dimostrarvelo, ma ova) è insensata. Nelle passate edizioni ho partecipato a degli eventi che rientravano nella categoria che voi definite gioco di ruolo (D&D, Guerre Stellari, Sine Requie) che facevano schifo perché gestiti male, perché non davano a ciascun personaggio/giocatore le stesse possibilità ecc. Sempre giudicati pessimamente, ok, ma perché devo essere costretto a giocare a una cosa che non mi piace? Per me più possibilità si danno; più gente viene a giocare; più si arricchisce la manifestazione.
Rischio di ripetermi, per cui vi invito a rileggere i miei post in cui do una definizione di gioco di ruolo. Se quella definizione è corretta, cosa è evento da Ruolimpiadi e cosa non lo è viene da sé. Se poi è una questione politica allora mi taccio e continuerò a partecipare e a sacrificare tre ore del mio tempo all'altare della rottura di pelotas solo per avere il pass 4 giorni per la fiera.
Luigi dei Gattini di Randolph Carter (ex Immondi di B&B)

Inchinatevi alla potenza dei Clanrat!

Immagine

Immondo per passione, dal 1903

Rispondi